Marmellata di albicocche e mandorle (con Fruttapec)

Marmellata di albicocche realizzata con pectina in versione con e senza mandorle

E’ una settimana che punto le albicocche e finalmente ieri mi sono decisa a preparare una marmellata degna del suo nome.

Solitamente, per questa tipologia di preparazione, uso quel magico prodotto che si chiama Fruttapec. Dato che io e Tiziana siamo tendenzialmente integraliste per quanto riguarda la cucina (per es. la frolla non si compra, si fa), mi sono lanciata in un esperimento.

Parte della frutta l’ho utilizzata per cucinare una marmellata con pectina e l’altra parte l’ho usata per una marmellata Fruttapec-free. Inizio con la prima ricetta e le dosi che ho usato.

Ingredienti:
800 gr di albicocche tagliate a pezzetti (quindi già lavate e senza nocciolo)
640 gr di zucchero
1/2 limone
32 gr di fruttapec
2 manciate di mandorle

Procedimento:
Assicuratevi del corretto peso delle albicocche. Una volta fatto, riponetele in una casseruola dai bordi alti e versatevi la pectina a freddo. Mescolate velocemente e mettete sul fuoco. Dopo che avrà iniziato a bollire, aggiungete gradatamente lo zucchero. Una volta passati 4 minuti dall’inizio della bollitura, togliete la pentola dal fuoco. Mescolate ancora un minuto e fate la prova piattino, che consiste nel verificare la consistenza del composto.

A molti potrebbe sembrare ostica e devo dire che è stata più volte ingannevole, ma ho imparato un paio di trucchetti. Innanzitutto, potete fare la prova utilizzando un piattino che avete precedentemente riposto in frigorifero: in questo modo la marmellata si rapprenderà e si raffredderà più velocemente per darvi un’idea veritiera di ciò che otterrete. In alternativa, usate il primo piattino che trovate e aspettate almeno una decina di minuti dopo aver versato un cucchiaio di marmellata.

A questo punto, verificata la consistenza, aggiungere il succo di mezzo limone (in realtà nemmeno tutto, volevo evitare l’effetto “gelatina”) e rimettete la pentola sul fuoco. Fate bollire ancora un minuto e poi spegnete tutto. Eliminate l’eventuale schiuma con un cucchiaio e passate all’invasatura a caldo.

Semplicemente prendete i vasetti sterilizzati (dopo averli lavati li sterilizzo solitamente in forno per un 15 minuti a 100°C), riempiteli con la marmellata, chiudeteli e capovolgeteli subito. Ho sperimentato l’unione con le mandorle con un solo vasetto (per evitare di fare troppi danni) alternando mandorle spezzettate e marmellata fino all’orlo. Dopo 24 ore il composto è pronto per essere mangiato.

Et voilà!

A breve anche la ricetta senza pectina.

3 thoughts on “Marmellata di albicocche e mandorle (con Fruttapec)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...